Sorbetto alla birra

By : | 5 Comments | il : maggio 28, 2009 | Categoria : Dolci

La ricetta del sorbetto alla birra, in questo caso alla birra, è molto semplice da realizzare.

Servono pochissimi ingredienti, e nel caso siete sprovvisti di una gelatiera in casa, nessun problema, c’è un metodo alternativo per la preparazione.

Il sorbetto alla birra, a gusto finale risulta leggermente alcolico, per via della birra ovviamente, ma più piacere a tutti, persino ai non amanti delle birre.

Provate per credere.

 

 

Ingredienti per 2/4 persone:

  • 100 g. di zucchero
  • 1 albume
  • 10 acini di uva
  • 1 bicchiere di birra Menabrea ambrata
  • acqua

Procedimento:

Portate ad ebollizione 1 bicchiere di acqua con lo zucchero. Una volta che questo “sciroppo” è pronto togliete dal fuoco e fate raffreddare, quindi aggiungete la birra e l’albume montato a neve con 5 grammi circa di zucchero a velo.
Mescolate bene il tutto e per ultimo aggiungete gli acini di uva tagliati a pezzi.

Passate il tutto nella gelatiera, oppure per chi non l’avesse può far solidificare il tutto in freezer per un paio d’ore, mescolando energicamente di tanto in tanto. Servite e decorate a piacere.

Sorbetto alla birra ultima modifica: 2009-05-28T20:28:35+00:00 da Daniele
Share This Post!

Comments (5)

  1. posted by Daniela on 28 maggio 2009

    ..domanda..: ma perchè l’uva?

     
  2. posted by Daniele-pasticcere on 29 maggio 2009

    @ Daniela, ho pensato si sposasse bene, e poi mentre ti gusti il sorbetto hai anche qualcosa da sgranocchiare.

     
  3. posted by nini on 31 maggio 2009

    è un po strano pensare a un sorbetto alla birra, però..perchè non?!

     
  4. posted by Daniele-pasticcere on 31 maggio 2009

    @ Nini, già, però lo puoi consumare anche a fine pasto, vedrai che è molto buono 😉

     
  5. posted by Alberto on 12 giugno 2009

    Perché l’albume? E il tuorlo poi si butta via? Grazie!

    In alternativa alla gelatiera si può usare il frullatore? Hai provato con altre birre?

    Scusa le troppe domande! Un saluto, Alberto

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *